FAQ

In quali casi è possibile accedere alla detrazione fiscale del 50%?

Anche i lavori relativi alla piscina rientrano nelle possibili detrazioni del 50% dell’IRPEF, stabilite e confermate anche dagli attuali documenti finanziari del Governo Italiano. Tale detrazione, è bene specificarlo subito, è da considerarsi usufruibile solamente nel caso di interventi di ristrutturazione dell’impianto e non nel caso di una nuova costruzione.

La legge fiscale a cui fa riferimento la norma in oggetto è ben tradotta dall’Agenzia delle Entrate con una guida dedicata alle ristrutturazioni edilizie valida fino al 31 dicembre del 2017, che ha modificato l’entità della detrazione, portandola dal 50% con un tetto massimo di spesa di 96000 euro (era attiva fino al 31 dicembre 2016) all’odierno 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.

I lavori dedicati alla piscina, che rientrano nella norma in oggetto, sono tutti quegli interventi tesi a migliorare l’impianto esistente, pertanto vi rientrano tutte le formule di ristrutturazione estetica e funzionale come: 

  • il rivestimento interno
  • il rifacimento degli impianti di filtrazione e circolazione dell’acqua
  • installazione o rinnovo dell’impianto di riscaldamento
  • rifacimento del solarium compresi bordi e pavimentazione
  • impianto di illuminazione
  • accessori come l’idromassaggio e nuoto controcorrente

La detrazione avverrà nella dichiarazione dei redditi e frazionata in dieci anni, una buona occasione per rinnovare la tua piscina no?

Crea ora la tua piscina!

1 Configura il tuo modello

2 Lascia i tuoi contatti

3 Ricevi il preventivo